Sorprese kinder anni 90: se in casa hai ancora una di queste puoi guadagnare tantissimi soldi

Spesso dimenticate negli archivi dell’infanzia, alcune sorprese classe ‘90 dell’iconico ovetto Kinder possono valere moltissimo.

Tra gli amanti del cioccolato, chi almeno una volta nella vita non ha acquistato un ovetto Kinder. Oltre ad essere prodotto con la storica ricetta dell’azienda di Ferrero, ha raggiunto sin dalla nascita un discreto successo grazie all’idea di creare un prodotto per i più piccoli che contenesse al suo interno una piccola sorpresa.

Kinder Sorpresa
Kinder Sorpresa: le collezioni che valgono moltissimo – testandtell.it

Le sorpresine del Kinder Sorpresa spesso evocano ricordi d’infanzia e momenti felici. Collezionarle può essere una forma di nostalgia e un modo per conservare pezzi tangibili di esperienze passate. Oltre al valore affettivo, alcune di queste edizioni sono tuttora ricercate dai collezionisti.

La collezione più iconica risale al 1983 dei Puffi Olimpici: un set da 8 pezzi in cui vengono rappresentati i puffi e le loro discipline sportive. Sebbene sia nata qualche anno prima, questa edizione dei personaggi blu creati dalla fumettista belga, Peyo, rientra nella collezione dei Kinder Sorpresa degli anni ’90. La sua peculiarità è racchiusa in primis nel fatto che si tratta di una collezione vintage; in secondo luogo, i Puffi Olimpionici fanno parte delle edizioni speciali ideate dalla casa produttrice.

Collezione sorprese Kinder ‘90: il valore economico

In molti conservano le vecchie collezioni Kinder perché riconducono all’infanzia; altri, ne hanno fatto una vera passione di collezionismo. Focalizzandosi sulla collezione intera dei Puffi Olimpici, un set può essere venduto anche alla modica cifra di 2mila euro. Si tratta di una somma importante, ma può capitare che in casa si abbiano solamente i singoli personaggi del set.

Puffi Olimpici, collezione degli anni '90
Puffi Olimpici, collezione degli anni ’90 (credit: ebay.com) – testandtell.it

Anche il singolo personaggio della collezione può avere un valore non indifferente; il puffo equilibrista e il puffo con i trampoli, per esempio, valgono oltre i mille euro l’uno. Anche Puffetta che salta con la corda può portare ad un guadagno non indifferente, visto che il pezzo unico vale intorno ai 400 euro. Da non dimenticare il puffo pugile e il puffo maestro: dal loro lancio, erano disponibili in vari colori e le loro varianti possono avere anche un costo maggiore vista la difficoltà nel reperirli.

Non solo Puffi: sebbene questa sia l’edizione più valutata dai collezionisti, diverse collezioni degli anni ‘90 sono tuttora ricercate. In molti ricorderanno gli Happypotami, 10 animaletti anch’essi impegnati nelle attività sportive: il set vale dai 40 ai 200 euro, mentre il loro valore singolo si aggira tra 1,50 ai 10 euro. Il set completo dei Coccodritti, classe ‘92, invece, si aggira intorno ai 30 euro (salvo due personaggi extra che sono rarissimi). E ancora, decisamente più recenti, gli Squalibaba 10 pezzi del 1998 e i Luna Park: set completi si aggirano intorno ai 150 euro. Infine, le Tartallegre e gli Gnomi Burloni dell’edizione 1992: non hanno un valore importante venduti singolarmente, ma le collezioni complete più cartina hanno un prezzo tra i 200 e i 300 euro.

Questi esemplari possono essere venduti nei mercatini dell’usato o nelle piattaforme online come Ebay. Inoltre, i personaggi che contengono errori di produzione sono decisamente più ricercati, nonché più valutati dai collezionisti.

Impostazioni privacy