Mutui: attenzione a cosa succede se il garante è pensionato

Quando si chiede un mutuo è importante essere a conoscenza di certi dettagli nel caso in cui il garante sia pensionato. 

Arriva un momento, nel corso della nostra vita, in cui tutto comincia a stabilizzarsi, a prendere una certa piega, e si inizia a pensare più seriamente al proprio futuro.

Mutui: cosa succede se il garante è pensionato
Mutui: cosa succede se il garante è pensionato – testandtell.it

Che si sia single oppure in coppia, il desiderio è quello di poter avere la propria indipendenza, una casa propria in cui abitare. Tale indipendenza, infatti, dopo una certa età è fondamentale e non vi si può rinunciare. Nel momento in cui la situazione lavorativa si stabilizza, il futuro si schiarisce e comincia a colorarsi, per cui si possono iniziare ad allungare i passi per mettere radici.

Si può sempre scegliere di andare in affitto, ma la voglia di avere una proprietà resta sempre forte. Una casa propria dove non pagare l’affitto e poter essere liberi fa gola, non c’è nulla da fare. Il punto è che non tutti hanno subito la liquidità per comprarla subito ed è così che si ricorre spesso all’accensione di un mutuo.

Questa modalità di acquisto di una casa, tuttavia, comporta la presentazione di una lunga serie di documenti e non è facile ottenerlo. Ecco perché di solito si chiede aiuto a un garante, una persona che, nel caso in cui il titolare non riesca a versare le rate del mutuo, intervenga facendosene carico.

Mutuo: cosa può succedere se un pensionato fa da garante

Si tratta, ovviamente, di un impegno vincolante, di un vero e proprio rischio per il garante. In genere il fideiussore è un familiare, per ragioni di sicurezza.

Mutui: cosa succede se il garante è pensionato
Ecco a che condizioni un pensionato può fare da garante in un mutuo – testandtell.it

Di solito, infatti, sono i genitori ad assumere questo ruolo, ma cosa accade se sono pensionati? Ebbene, possono essere garanti, ma devono rispondere a dei requisiti chiave. Innanzitutto devono essere finanziariamente affidabili, e poi devono avere massimo 75 anni, anche se negli ultimi tempi, alcuni istituti hanno concesso il mutuo con garanti di 80-85 anni. Se il garante muore, gli eredi si assumeranno l’impegno.

Ci sono anche soluzioni alternative, in particolare per le giovani coppie, come chiedere un Fondo di Garanzia. Si tratta di un valido aiuto che consentirebbe a chi vuole acquistare casa, di farlo in modo decisamente più sereno. Per avere maggiori informazioni, è sempre bene rivolgersi ai vari istituti di credito presenti nel proprio territorio, per capire se è un’opzione fattibile.

Impostazioni privacy